Dic 2, 2010 - salute e benessere    3 Comments

Biberon che fanno male! Attenzione a BPA, bandito dalla UE

Il bisfenolo A, solitamente abbreviato in BPA, è un mattone fondamentale nella sintesi di plastiche e additivi plastici, tra cui il policarbonato, materiale impiegato per la realizzazione dei biberon, vernici per lattine, prodotti farmaceutici, confezioni alimentari: il pericolo di esposizione a questo materiale nocivo è trasversale, riguarda anche gli adulti.

Sospettato di essere dannoso per l’uomo sin dagli anni trenta, i dubbi sull’uso del BPA hanno avuto risalto sui media nel 2008, quando molti governi hanno effettuato studi sulla sua sicurezza e alcuni venditori hanno tolto dal mercato i prodotti che ne contenevano. In particolare il BPA sembra essere imputato in numerose malattie dello sviluppo sessuale maschile nel feto, e nel calo di fertilità nell’uomo adulto.

 

Proprio per la sua pericolosità, il BPA è già al bando in Stati Uniti, Canada e persino in alcuni stati europei. Ma l’Italia non è tra questi: nonostante le numerose proteste delle associazioni dei consumatori,  la decisione di abolirne l’utilizzo non fu presa.

Finalmente i biberon saranno liberi dal biosfenolo A anche in Italia. L’Europa ha infatti bandito definitivamente l’utilizzo di BPA in tutti i paesi membri: grazie a questo provvedimento, dalla prossima primavera i bambini potranno godersi il proprio biberon senza preoccupazione.

Ma naturalmente, anche prima della primavera, sarebbe giusto avvertire le mamme della pericolosità dei prodotti per bambini (anche giocattoli!) che hanno in casa per accompagnarle alla scelta di prodotti sani e salutari.

Biberon che fanno male! Attenzione a BPA, bandito dalla UEultima modifica: 2010-12-02T10:58:16+01:00da mammaserena
Reposta per primo quest’articolo

3 Commenti

  • salve io ancora a 4 mesi dell’inizio dell’asilo la mia piccola Giorgia fa la pipi addosso, sia all’asilo che quando siamo a casa o fuori casa, appena sente lo stimolo lo dice ma quando la porto in bagno la trovo bagnata. ieri dalle 14 alle 22 lavando mutandine e pantaloni non ce la facevo più. fatto sta che ho pensato stasera vado dalla pediatra x farle segnare una ecografia i reni… sono disperata non so + cpsa pensare… ho provato a dirle giorgia se fai la pipi addosos babbo natale non viene. si che ancora e piccola che ha tre anni xrò non so che fare.. aiutatemi vi prego uffff

  • salve io ancora a 4 mesi dell’inizio dell’asilo la mia piccola Giorgia fa la pipi addosso, sia all’asilo che quando siamo a casa o fuori casa, appena sente lo stimolo lo dice ma quando la porto in bagno la trovo bagnata. ieri dalle 14 alle 22 lavando mutandine e pantaloni non ce la facevo più. fatto sta che ho pensato stasera vado dalla pediatra x farle segnare una ecografia i reni… sono disperata non so + cpsa pensare… ho provato a dirle giorgia se fai la pipi addosos babbo natale non viene. si che ancora e piccola che ha tre anni xrò non so che fare.. aiutatemi vi prego uffff

  • Ciao cara Sabrina,
    benvenuta tra noi!

    Quando si parla in generale dell’argomento cacca e pipi’ non si possono elencare tutte le sfumature di “problematica”.

    In linea di massima i bambini riescono a controlllare gli sfinteri tra i 2 anni e mezzo e i 3, le femmine prima dei maschi a parita’ di eta’. Pero’, cosi’ come a camminare si inizia, perche’ se ne ha l’abilita’, intorno all’anno, ma ci vorranno anche anni per avere la sicurezza e l’equilibrio per saltare su un piede solo o seguire una linea dritta per es., la stessa cosa si puo’ dire delle altre “abilita’”.

    Cio’ significa che la Tua bimba potrebbe avere la maturita’ fisica per non bagnarsi o sporcarsi, ma non implica che, se qualche volta capita, ci sia per forza qualcosa che non va.
    I bambini a questa eta’ sono completamente immersi nel mondo e traggono talmente tanta gioia dal giocare o dall’essere in attivita’ che non riescono contemporaneamente ad “ascoltarsi”. Percio’ quando si rendono conto che scappa cacca o pipi’ e’ ormai troppo tardi per riuscire a contenersi. E’ normalissimo.

    Nei periodi in cui noti che fa piu’ fatica puoi utilizzare questi accorgimenti : almeno mezz’ora al giorno con attivita’ “acquatiche” (scaldi bene il bagno e la lasci con pentolini, mestoli, scodelle a giocare con l’acqua), organizzi un angolino della casa che e’ tutto suo e in cui nessuno ci puo’ mettere becco senza il suo permesso. Se si fa pipi’ o cacca addosso ignora completamente la cosa, pulisci e via andare. Tanto massaggio con olio di iperico soprattutto sulle cosce e pancino. La sera, prima di metterle il pigiamino, passa una salvietta di spugna inumidita con acqua fresca dalle spalle ai piedi (velocemente e in un ambiente ben riscaldato) poi scalda col phon la biancheria intima ( meglio se di lana-seta) e il pigiamino rpima di infilarglieli. Mettila nel letto con le lenzuola e le coperte belle strette intorno a lei. Poi procedete col rituale dell’addormentamento (ninne-nanne, fiabe, filastrocche, etc…) Tutti questi rituali la aiuteranno a rilassarsi e a riequilibrarsi.

    Vedrai che col passare del tempo scomparira’ anche questa piccola difficolta’.

    Sperando di esserVi stata un po’ di ispirazione Vi invio cari saluti e eauguri
    Serena per bimbonaturale

Lascia un commento